Alla ricerca disperata di Te, o Allah! – parte seconda

بسم الله الرحمن الرحيم

nur2

 

[Parte prima]

Giunse questa persona come inviata da parte di Allah, Al Rahman (il Sommamente Misericordioso) che mi accompagnò dentro alla stanza; dopo questo episodio non pensai più di ripetere nuovamente un’azione del genere.

Per circa sei mesi vissi isolata dalla gente prendendo residenza in un piccolo albergo a Berlino. Berlino a quel tempo era divisa in est ed ovest; la parte centrale est assomigliava a una piccola penisola. Vi erano dei confini rigidissimi fra le due parti. Io abitavo vicino al confine, dove c’erano tanti poveracci che sentivo a volte sparare ed ammazzarsi di notte.

Trascorso quel lasso di tempo decisi di andarmene lontano, in Africa o in Asia poichè pensavo, dopo aver visitato quasi tutta l’Europa ed alcune città dell’America, che la situazione fosse uguale: non riuscivo a trovare in questi posti nulla che nutrisse il mio cuore; questo cuore che era il capo, la parte più importante di me stessa. Questa situazione era diventata per me davvero critica, dovevo trovare qualcosa. Presi tutti i libri che pensavo potessero essere utili per far star meglio il mio cuore: la Torah, il Vangelo, il Salterio, lo scritto di buddha, e la traduzione dei significati del Qur’an Karim.

Il Qur’an mi era stato consigliato da una persona, ma a primo impatto non riuscii a leggerlo, era come se ci fosse un ostacolo fra me e questo Libro, ma conservai con me il Libro portandogli rispetto.

Salutai tutte le persone che conoscevo, presi con me tutti questi libri e alcuni strumenti musicali –amavo la musica al tempo-, dicendo addio per ultima a mia madre. Avendo paura di partire sola per una simile avventura e sentendo di aver estremo bisogno di intraprendere questo viaggio (ero arrivata al bivio: partire o suicidarmi) mi misi d’accordo con una giovane ragazza che mi avrebbe fatto compagnia. Questa persona aveva però intenzioni diverse dalle mie: ella voleva intraprendere un viaggio di intrattenimento, nuotare, godersi la spiaggia e cose del genere. Anche il suo aspetto era diverso dal mio: ella portava i jeans, lasciava i capelli sciolti al vento, mentre io mi ero cucita un abito marrone molto largo, lungo sino a terra, simile alla °abaya che ora indosso, di tessuto molto pesante e tenevo i capelli intrecciati in una rigida treccia.

Pensavo che se avessi fatto come le ragazze che indossavano abiti aderenti e colorati avrei sicuramente attirato l’attenzione maschile, così camminavo un po’ in disparte perchè non desideravo che nessuno mi si avvicinasse. Desideravo unicamente stare in mezzo alla natura, quella natura che mi aveva sempre fatto star tranquilla, perchè tutte le creature lodano Allah e a Lui si prosternano.

Per due mesi viaggiai con questa ragazza facendo l’autostop, facendoci portare dai veicoli che andavano verso la nostra destinazione. Facemmo questo fino a quando non arrivammo in Grecia, dopo aver attraversato l’Austria, la Jugoslavia –un paese musulmano dove avevo visto musulmani con la barba e donne col hijab, dove avevo visto i Masajid e tutto questo mi fece buona impressione-, ed eccoci finalmente in Grecia!

In Grecia mi scelsi una piccola isola perchè non ci fosse prostituzione e non vi fossero turisti. Feci questo perchè come sapete i turisti sono soliti uriacarsi e portare corruzione nei posti in cui si recano durante il mese di vacanza che si prendono da lavoro. Nel posto in cui presi residenza vi erano persone che pregavano Gesù –chiediamo protezione ad Allah dall’associare qualcosa a Lui- ma erano persone con un buon comportamento: la donna non usciva di casa se non mettendosi un coprocapo nero sulla testa e una gonna nera lunga sino a terra, le donne non uscivano mai sole e non mai non le vedevi ai cafè o in giro per i negozi.

Ho vissuto sotto gli alberi con questa ragazza che era venuta con me, ma dopo due mesi la ragazza se ne tornò in Germania e io rimasi sola sotto gli alberi; dalla mia postazione potevo scorgere da lontano il paesino. Me ne stavo a leggere, a suonare un po’ di musica e a volte mi trovavo a camminare la notte sulla spiaggia coi pescatori.

Il mare era immenso, grandissimo, il cielo e la notte… Tutto questo mi faceva paura, ed io cercavo questo timore nel mio cuore, il timore nei confronti del Grandissimo che ha creato ogni cosa. Purtroppo però la gente vedendomi fare questa vita cominciò a pensare che non fossi una brava donna.

Un giorno mentre mi apprestavo a fare il pane –per sette anni non mangiai carne, fino a quando non abbracciai l’Islam-, questo pane che cuocevo presso un forno, giunse all’improvviso un militare che mi arrestò, prese la mia valigia da sotto gli alberi e con altri poliziotti mi misero nell’auto che mi portò nell’entroterra, fino in prigione.

Per dieci giorni rimasi dentro questa prigione, ma per la grandissima paura che avevo non riuscivo a mangiare e a dormire. Durante questo tempo mi misi ad invocare tantissimo Allah: mi ricordai di una maestra di religione cristiana delle scuole superiori che quando le chiesi come fare ad ottenere la fede mi disse di invocare tanto, con pazienza, devozione ed umiltà, perchè la fede è un grandissimo dono che non può essere acquistato con il denaro ma che Dio l’Altissimo dona a chi vuole fra le Sue creature.

Era in quella circostanza, in prigione, che mi trovai ad invocare immensamente e costantemente Allah, con la paura nel cuore, e questo mi portò una sensazione di felicità nel cuore, come fossi trasportata in un altro luogo. Nonostante la notte e il sentire l’abbaiare dei cani, i rumori notturni, il grido del gallo all’alba, avevo una sensazione di sicurezza dentro di me perchè percepivo il Grande, l’Immenso, che dall’alto governava ogni cosa: nulla in questo universo poteva muoversi esteriormente ed interiormente senza il permesso di questa Grande Entità. Era in quel momento, in prigione, che Allah l’Altissimo fece sì che la fede fiorisse nel mio cuore. Prima di allora avevo dubitato su Dio, se Egli esistesse, se se ne fosse andato, su chi Egli fosse, su quale fosse il Libro da seguire… Lo avevo invocato dicendo: o Allah se tu sei presente mostrami la via da seguire, indicami qual’è il Libro che devo seguire, fammi capire che cosa vuoi da me.

Uscii, dopo dieci giorni, dopo che era arrivato mio fratello, dottore in legge, e dopo aver telefonato anche a mia madre, per dimostrare alla polizia che non ero come quei ragazzi mondani che girovagano a caso per le strade. Mi liberarono dopo dieci giorni, quando uscii ero un’altra persona: avevo compreso che Allah l’Altissimo è presente, che Egli è il Signore dei Mondi, che è il mio Signore, che sicuramente Egli vuole qualcosa da me, anche se io non sapevo ancora esattamente cosa per il fatto che non avevo alcuna conoscenza, non avevo studiato approfonditamente i Libri in mio possesso per capire cosa Egli desiderava che facessi. È così che decisi di pentirmi ad Allah, dopo aver constatato che il mio cuore era nero, nero, Gli chiesi ripetutamente perdono per i miei peccati.

Dopo essere uscita mi trasferii in una grande isola, Krit, perchè ci fossero anche turisti e la gente non si sorprendesse nel vedere le donne camminare sole perchè in Occidente le donne usano uscire sole di casa. Lì trovai un piccolo paese vicino al mare, con delle montagne cave, fatte tutte di caverne limitrofe, le une vicino alle altre, ed era pieno di ragazzi occidentali. Trovare una grotta libera faceva al caso mio perchè stando sotto gli alberi mi bagnavo tutta e pure i miei libri e la mia roba rischiava di essere danneggiata quando scendeva la pioggia; dovete sapere che nei paesi occidentali piove abbondantemente.

Finalmente nella terza montagna trovai una grotta libera lontana dalla gente; abitai lì per circa sei mesi.

Umm Abdu-Rrahman trascorse giorni e notti in questo luogo e Allah l’Altissimo, il Saggio, volle che ella affrontasse alcune difficoltà e situazioni pericolose perchè la portassero a cercare rifugio in Lui l’Altissimo, a provare la sensazione di chi si rimette totalmente a Lui cercando il Suo aiuto e ponendosi con umiltà nei Suoi confronti nelle calamità. Tutto questo fece sì che la sua fede in Allah, gloria a Lui l’Altissimo, aumentasse sempre di più.

Ogni giorno mi recavo al paesino per prendere l’acqua, l’acqua per vivere, e tornavo senza parlare con nessuno. Me ne stavo a leggere i libri, a guardare le pecore, che amavo tanto perchè vedevo in questi animali l’umiltà e la mancanza di superbia che avevo constato nelle persone che avevo conosciuto fino ad allora. Anche di notte stavo ad ammirare queste pecore e mi pareva che stessero proprio pregando. In quel periodo mi ero imposta di pregare tre volte al giorno: al mattino, a mezzogiorno e la sera.

Sempre sentivo che fra me e questa traduzione del Qur’an vi era come un ostacolo, ma un giorno successe che lessi a lungo fino a che non arrivai a leggere la migliore fra le storie, la storia del Profeta Yusuf, pace e benedizione su di lui, e sul nostro Messaggero Muhammad. È così che cominciai ad amare questo Libro.

Scesi nuovamente al paese per prendere l’acqua ed incontrai una donna tedesca debole di salute, aveva una gamba sana e un’altra di legno; anche lei non stava in compagnia dei ragazzi scalmanati, ed ella aveva preso residenza in una stanza pulita, alta, in prossimità del mare, così rimasi a farle compagnia e lei non mi lasciò andare fino a notte inoltrata. La notte volli torare alla mia caverna, non desideravo un alloggio vicino ai turisti squilibrati. Era quella una notte di luna piena, e dopo aver attraversato la prima montagna Allah l’Altissimo mandò un vento fortissimo, improvvismente si scatenò una grande tempesta, e fra i tuoni, i fulmini e la pioggia camminavo e cadevo, avanzavo e barcollavo. Ebbi così una grande paura, cominciai ad urlare: “O mio Signore perdonami, perdonami, perdonami, salvami!” Stavo camminando sull’orlo di un precipizio che dava direttamente sul mare e nessuno poteva sapere dove fossi e il pericolo che stavo affrontando. Quella fu la prima volta che chiesi ad Allah di farmi vivere, non volevo morire, finalmente avevo visto della luce alla fine del tunnel della vita che stavo attraversando. Questa luce era quella che avevo sempre cercato, che consisteva nel sapere che Allah l’Altissimo è presente, che Egli ha mandato a noi un messaggio, e io finalmente avevo letto e amato il Qur’an, e questa era la cosa più importante.

[Segue…]

Annunci

Una Luce per trovare la Via

بسم الله الرحمن الرحيم

nur

Mi chiamo Suliman La Spina Franco. Sono diventato musulmano nel 1996, però la mia ricerca è iniziata quando avevo 16 anni, cioè all’età dell’adolescenza, a quell’età cominciai a riflettere su il vero valore assoluto per essere felice. Notai che ogni felicità da raggiungere era illusoria e pensai che sarebbe finita, cioè per quanto potessi essere felice, quel momento sarebbe finito rapidamente. Mi sembrava stupido, e lo era, cercare quel tipo di felicità che non avrebbe mai soddisfatto la natura umana che è molto esigente. Associare la fine della felicità con la morte era facile, naturale, e ho associato il concetto di morte e di fine della felicità. Ho pensato anche, se una persona dovesse essere felice, ricca, cosa sarebbe successo quando sarebbe morta? e quando muore cosa accade? Questo mi chiesi. Era vero ciò che dicevano i preti? Cioè che esiste l’Inferno, il Paradiso e Dio? Questo mi fece molto riflettere e mi mise in crisi. Cominciai così a disinteressarmi al Messaggio nel Vangelo e soprattutto alla religione cattolica, nell’adolescenza si è in conflitto con tutte le autorità e se ero contrario alla religione cattolica, non lo ero con il Messaggio di Gesù.

L’uomo spesso non usa il cervello al 100%, l’uomo religioso usava più degli altri le proprie capacità per giungere alla conoscenza di cose che l’uomo comune non può capire, cioè conoscere Dio. Così cominciai a leggere il libro più importante per me a quei tempi: la Bibbia. Ed ho letto il Vecchio Testamento, i vangeli tranne gli Atti degli apostoli e tutto il resto che viene dopo i 4 vangeli. Questo perché considerai il Messaggio concluso, non era logico seguire il cristianesimo di Paolo di Tarso, lontano dal vero Messaggio di Gesù, più bello e diretto. Nonostante questo non trovai nella Bibbia la risposta, anzi, e non mi identificavo con i preti, gli interlocutori fra noi e Dio. Mi domandai perché Dio lasciò questo vuoto di relazione con lui, così mi interessai alle religioni e filosofie orientali. Cominciai a leggere qualcosa del buddismo e soprattutto sul taoismo. Il libro Tao The Ching era la mia guida, ben presto però capii che non era nemmeno quello ciò che cercavo, ero molto deluso perché non avevo trovato la Verità, ed è stata l’ultima religione che ho studiato prima dell’Islam.

Arrivare alla consapevolezza che l’uomo ha di se stesso e della sua condizione a differenza degli animali che non sono consapevoli di essere tali. Questa consapevolezza di essere privilegiato su tutto il creato mi ha dato il moto per giungere ad una conclusione tanto semplice quanto spettacolare, che non può esistere la consapevolezza nell’uomo se non ti viene donata da Qualcuno che possiede la consapevolezza, Iddio l’Altissimo. Quindi capii come dice Dio “Ero un tesoro nascosto ed Ho creato tutto affinché tu mi scoprissi”. Mi resi conto che Dio ci ha creato in questo mondo per essere testimoni di Lui. È avvenuta dentro di me una sorta di esplosione, di sensazione molto forte, feci una testimonianza dell’esistenza di Dio, non ancora del Profeta Muhammad, poiché non sapevo ancora dell’Islam, fino a quando mio fratello mi disse che voleva comprare il Corano, anche lui cercava la Verità. In realtà non l’aveva comprato, così pensai che l’avrei acquistato io, visto che non l’avevo mai letto.

Dal primo momento che cominciai a leggere il Corano fu davvero una rivelazione! Era come se Dio parlasse con me direttamente. La stessa sensazione che può avere un arabo che legge il Corano nella sua lingua, così diventai musulmano. Dio guida attraverso ciò che Egli Vuole.

E mi Guidò attraverso un mare pieno di scogli dandomi dei Segni, come quando sognai una notte di essere accompagnato dall’Arcangelo Gabriele (Jibriìl) nell’Islam prima di leggere la Sura Al Ma’àrij“Le Vie dell’Ascesa” il giorno dopo aver letto questa Sura era il giorno dell’Aid Adha –la festa del sacrificio di Abramo-. Giunto alla Sura delle Formiche “An-Naml” presi il nome del Profeta Sulaiman (Salomone) presente in questa Sura, e diventai musulmano Grazie a Dio.

Quando un uomo cerca la Verità, ciò non dipende dall’etnia, dalla cultura, o dalla provenienza dell’uomo, il quale può passare attraverso diversi percorsi e arrivare ad un risultato che non avrebbe mai immaginato e arrivare al risultato giusto è importante. Un viaggio con poche valige, buone intenzioni e sincerità. L’importante è non cercare la Verità solo per dare giudizi e lasciare che essa guidi alla vera luce per poter recepire quello che è la Verità. 

Si ringrazia il sito Huda.it

Sorprendentemente… Musulmana!

 بسم الله الرحمن الرحيم

return

Be’ che dire di me, sono una ragazza/donna italiana, sta a voi decidere come definirmi in sha’a Llah perché io mi sento una ragazza ma sul passaporto sono una donna visto i 36 anni che mi porto dietro. Al-hamdulillah (Lode ad Allah) per tutto. La storia della mia conversione potrebbe sembrare insignificante per chi non conosce il mio passato, ma per chi lo conosce è una cosa “fuori di testa”, come la definisce mia sorella. Sin da piccola sono sempre stata un po’ presa e coinvolta da questa dunya; di famiglia benestante e problematica, ho sempre condotto una vita fatta fatta di sport e divertimento, che mi sono sempre serviti per evadere i problemi familiari. Una madre simpaticissima, generosissima ma ossessionata dalla fama e dall’opinione altrui. Un padre simpaticissimo, un grande educatore e lavoratore ma poco presente (da non colpevolizzare). Vita religiosa gestita da mia madre al 100%, infatti, ho frequentato le scuole private dalle suore. Il tutto mi portò a vincere una competizione regionale chiamata “la bimba del papa Woytila”… Sì, ragazze, io, proprio io, l’attuale muhajjaba (portatrice di hijab), ho vinto e quindi accompagnato il papa Giovanni Paolo II nella sua visita alla mia città!!! Le mie foto sono esposte dentro la basilica e la mia povera zia, oramai novantenne, mi continua a dire che mi deve aver posseduta qualche demonio perché io sono la bimba di papa Giovanni Paolo II, non posso essere musulmana!!! Miskina (poveretta) che donna, le voglio un gran bene.

Alcuni anni dopo, sempre sotto l’influenza di mia madre, ho lavorato a cinecittà in un film con Renato Pozzetto, perciò vai… Le mie foto furono sui giornali regionali!!! Una volta arrivata l’adolescenza, arrivò l’ultima ciliegina sulla torta, mi fermarono in strada per chiedendomi di farmi un provino per un’agenzia di modelle -se mi vedete adesso potrei fare solo la modella per la pubblicità del detersivo, ma ai miei tempi ero guardabile-. Quindi sì modella, perciò completamente lontana da ciò che dovrebbe essere una ragazza musulmana, ma Al-hamduliLlah Allah ci perdona ogni peccato dopo la shahada (testimonianza di fede).

Ho fatto la modella e lavorato anche per Valtur in giro per l’Europa, fino a che non sono venuta a Londra ed ho imparato che la vita e che il mondo sono bellissimi e pieni di diversità e che la mia ben amata vita e Italia erano una parte piccolissima di questo mondo e  come tutti possono immaginare qui a Londra, ho conosciuto persone provenienti da tutto il mondo e da tutti ho imparato qualcosa.

Nei primi anni qui, viaggiavo tanto in giro per il mondo da donna single con tante amiche ed ero sempre molto lontana da ciò che era la religione, qualsiasi religione, fino a che un giorno un ragazzo mi disse: “Ciò che io ho dentro di me, tu non potrai mai averlo.” Io, da buona italiana convinta, gli dissi: “Ah sì??? E cosa sarebbe???”. Lui mi rispose: “L’ISLAM.” Mi disse inoltre: “Mi piacerebbe poter fare un trapianto e passartelo, mettertelo nel cuore per farti capire!”. Io ovviamente scioccata gli risposi: “Ma sei drogato?”. Che risate, non lo dimenticherò mai quel giorno! Rimasi stupita dal fatto che una persona così normale, per niente religiosa, mi parlasse in quel modo e ci tenesse così tanto alla sua religione.

SubhanAllah. Dopo poco questo fatto, accadde l’11 settembre ed allora sì… Da buona italiana curiosa iniziai a leggere sull’Islam, ovviamente tra un club e l’altro, nel bus mentre tornavo da lavoro, nell’aereo mentre andavo in Sud America leggevo, leggevo e leggevo! Al-hamduliLlah non conoscevo bene nessun musulmano/a perciò continuavo a leggere fino a che un giorno mi comprai un libro sui miracoli scentifici contenuti nel Qur’an e ovviamente a quel punto mi prese il classico scioccamento cronico. Non ci potevo credere che nel Qur’an si potessero trovare riferimenti scientifici di quel calibro!!! SubhanAllah ricordo di aver passato una nottata intera tra l’enciclopedia e il libro, era impossibile! Ma a chi chiedere? Be’ a Dio! Allora sì, senza neanche dormire per un’ora, presi l’indirizzo del Masjid di Baker Street e andai, con tre metri di capelli boccolosi per aria, camminai sulla strada per il Masjid pregando di non morire. Che scema, quanto ho riso dopo. Ad ogni modo arrivai lì, non avevo mai visto un Masjid prima perciò ero un po’ persa, chiesi ad un fratello di indicarmi il posto dove la gente poteva diventare musulmana. E così eccomi qua: musulmana ed orgogliosa.

Forse volete sapere cosa successe dopo… Be’ niente… Dopo aver pronunciato la Shahada (testimonianza di fede), andai a lavoro e là trovai tanti musulmani che non avevo mai visto prima, ma che per anni avevano lavorato al mio fianco e che ma sha’a Llah, che Allah li ricompensi col paradiso, mi hanno insegnato tanto: chi mi insegnava al-fatiha, chi mi diceva di dire bismiLlah, chi  mi chiamava per pregare con lui. Che bello ma sha’a Llah! La mia vita continuava così: andando a lavorare imparavo il mio deen (religione) coi miei colleghi e tornavo a casa, e le mie ex-amiche non capivano se mi ero presa una droga troppo forte che mi aveva fatto partire il cervello o se stavo scherzando… SubhanaLlah le ho perse tutte. Al-hamdulillah ne ho trovate di migliori. Poi un giorno, vi ricordate quel ragazzo che mi disse che voleva fare il trapianto? Be’ venne a trovarmi (non ho mai capito come aveva fatto a sapere che io ero diventata musulmana) e dopo che se ne andò tutti i miei insegnanti di deen del lavoro non potevano quasi rivolgermi la parola. Io non capivo, fino a che sempre il ragazzo del trapianto mi chiese di sposarlo!!! Be’ ragazze che dire… il trapianto è stato fatto!!!

Wa salam

Tratto dal blog Io Musulmana Italiana

Oltre i pregiudizi, oltre la banalità… Musulmana per Allah!

بسم الله الرحمن الرحيم

صفية

As-Salamu ‘alaykum wa rahmatuLlahi wa barakatuh, fratelli e sorelle. BismiLlahi ar-Rahman ar-Rahim (nel nome di Dio, il Misericordioso, il Misericorde). Mi chiamo Lucia, e sono una ragazza italiana di soli 14 anni e mezzo (specifichiamo. :D), anche se i miei mi hanno scelto il nome Safyyah.

I miei genitori sono italiani, nati in Italia, i cui genitori sono nati in Italia, e via dicendo. I miei parenti, dai più stretti ai più lontani, fratelli, cugini, zii… Sono tutti quanti nati qui, in Italia. Sono, insomma, italiana DOC. E a questo punto, la domanda sorge spontanea: “ma allora, come fai ad essere musulmana?”.

Cercherò di essere breve e coincisa il più possibile nel rispondere, in sha Allah.

I miei genitori sono nati cristiani e hanno vissuto buona parte della loro vita seguendo quella religione. Entrambi sono sempre stati molto praticanti, ed hanno sempre avuto il desiderio di approfondire la propria religione per conoscerla a fondo e saperne di più.

Ma, ad un certo punto, è stato proprio studiandolo che, piano piano, hanno sentito emergere un senso crescente di insoddisfazione, di incompletezza nei riguardi del cristianesimo. I dubbi e i quesiti che si ponevano aumentavano di giorno in giorno; finché, così decisero, si misero in cerca della vera religione. Di qualcosa, insomma, che donasse loro la vera felicità e, per usare il termine più appropriato, dissetasse veramente le loro anime.

Partirono quindi senza presupposti verso alcuna religione e, a dire la verità, provarono davvero un po’ di tutto, dal new age al buddismo. Questo percorso di ricerca è durato ben 10 anni. Ma alla fine, alhamduliLlah, è proprio grazie a questo lungo, lunghissimo percorso che alla fine sono riusciti ad arrivare all’Islam.

Questo quasi 9 anni fa, quando avevo solo 6 anni: fu così che, quindi, crebbi con l’Islam come religione, sebbene fossi stata persino battezzata. Tuttavia, purtroppo, subito dopo essersi convertiti, i miei si persero in quello che scoprimmo solo dopo essere nient’altro che una deviazione dell’Islam (astaghfiruLlah), cioè nel sufismo.

Per 7 anni circa non riuscirono a rendersi conto di che cosa il sufismo veramente fosse, ed ai tempi, in buona fede, pensavano fosse una strada più che giusta. AlhamduliLlah, recentemente, nel 2013, siamo riusciti a liberarcene definitivamente.

Tornando a me, come ho già detto dai 6 anni in poi sono stata cresciuta con l’Islam come religione, anche se spesso gli insegnamenti che ricevevo non erano propriamente corretti, perché presi dal sufismo. Ad ogni modo, confesso di non essere mai stata molto praticante: andare in moschea, fino a due-tre anni fa, era per me un sacrificio immane; di mettermi il velo, non se ne parlava neanche; e non avevo mai letto una sola riga del Corano fino a circa tre anni fa. Pregare, quello sì, lo facevo, anche se ho iniziato tardi e non lo facevo nel modo corretto.

Fu nell’estate del 2013 che la mia vita iniziò a cambiare lentamente, ma in modo radicale, alhamduliLlah! Ricominciammo ad andare in moschea durante l’inizio del Ramadan, quella moschea tanto amata, anche se lontanissima da casa, di cui avevo solo vaghi ricordi, soubhan Allah. Inoltre, i miei decisero di andare almeno due o tre volte a settimana in una moschea più vicina (il che era, soprattutto per me, un cambiamento allucinante).

Arrivai lì pensando che sarebbe stata una noia mortale, mentre fui piacevolmente sorpresa nel vederla piena di ragazze giovani, ed un sacco di mie coetanee. Ma sha Allah! Ho stretto molte amicizie e sono entrata a far parte così di una comunità musulmana. E’ per questo che non smetterò mai di stressare (si fa per dire : D) sull’importanza del frequentare ragazze musulmane della propria età. Ci si confronta, ci si aiuta e ci si supporta e consiglia, si chiacchiera e si scambiano esperienze essenziali per la crescita interiore e spirituale.

E’ così che, gradualmente, ho capito l’importanza del seguire la mia religione sempre e comunque: essa non mi ha portato che felicità. Prima, lo confesso, ero una ragazza sempre triste, solitaria, che non faceva mai nulla per cambiare la propria vita e situazione, ed ogni problema era per me una montagna insormontabile! AlhamduliLlah, non ringrazierò mai abbastanza Allah, subhana wa taala, per avermi condotto all’Islam.

Contemporaneamente, quella stessa estate cominciai un corso di arabo via Skype assieme a mia madre con la sorella che gestisce questo blog, ma sha Allah. ( : Che Allah la ricompensi! Discutendo noi tre assieme sull’Islam, arrivai a capire che per adorare sul serio e in modo completo Allah, subhana wa taala, ciò che facevo – le preghiere, la lettura del Qur’an – non era abbastanza. Anche se mia madre aveva indossato il hijab a maggio, io non avevo mai riflettuto seriamente a proposito. Iniziai, quindi, ad osservarmi: essendo estate, andavo in giro vestita con t-shirt e canottiere, jeans corti attillati e la mia bellezza, la qualità più preziosa e delicata di una donna, sbandierata davanti a tutti. Non capivo bene cosa ci fosse di sbagliato nell’ostentare la propria bellezza davanti agli altri, ma qualcosa in me era scattato. Qualcosa di sbagliato, c’era.

Non era nemmeno possibile passare dalle magliette corte all’hijab, questo è certo; ed infatti, senza nemmeno accorgermene, ci fu un passaggio graduale. Iniziai prima ad evitare di mettermi i jeans corti; anche d’estate mi mettevo i pantaloni lunghi. Poi, eliminai le canottiere scollate e le t-shirt attillatissime. Intanto, mi accorsi che avevo bisogno di capire perché era necessario un cambiamento del genere. Pertanto, mi misi a studiare, mi documentai sul hijab, su che cosa simboleggiasse e rappresentasse per noi donne musulmane.

AlhamduliLlah, scoprii che non era affatto un simbolo di oppressione. Anzi, le donne che portano il hijab DEVONO venire rispettate dai fratelli in quanto sorelle fiLlah e, soprattutto, in quanto DONNE. Qualche mese dopo, arrivai alla conclusione che stavo solo diventando una schiava dell’apparenza, e pensai: “L’oggettificazione della donna è un problema fin troppo grave ed evidente per seguire anch’io la massa e diventare, quindi, anche io un misero oggetto. Nient’altro che un misero oggetto. Non lo posso permettere!”.

A convincermi fu, in particolare, uno spezzone di una conferenza tenuta da una donna (non musulmana) di cui purtroppo non ricordo il nome, soubhan Allah. Questa donna disse: “E’ incredibile come l’oggettificazione della donna nei paesi occidentali sia un fenomeno dilagante. Secondo i risultati dei più recenti studi psicologici, le donne sono letteralmente in costante preoccupazione per la loro apparenza. Guardano e correggono/aggiustano sempre la forma dei propri capelli, come appaiono le loro gambe, e via dicendo. Tant’è che non riescono nemmeno ad avere un po’ di intimità col proprio partner senza avere questo chiodo fisso: ‘com’è il mio trucco? E’ apposto? E le mie gambe, sono in una posizione tale da apparire attraenti? Controlliamo se i miei capelli sono perfetti, controlliamo qui, controlliamo là’. La donna è ossessionata da questi pensieri, cerca sempre di essere perfetta, e ne soffre psicologicamente ogni giorno! Tutto questo… per soddisfare l’uomo.”

Ciò fu a dir poco scioccante per me. Soprattutto perché… era tutto più che verissimo! Ci pensai su e realizzai alcune cose importanti. Realizzai, ad esempio che, anche a scuola, l’unica preoccupazione che avevo era la forma dei miei ricci, e che la mia pancia risultasse piatta, che i jeans mi evidenziassero in maniera perfetta le gambe… e si trattava di una vera e propria ossessione!

AlhamduliLlah, da dicembre 2013 ho deciso di mettere il Hijab (: La prima cosa che ho riscontrato, è che ero libera psicologicamente dall’ossessione di sistemarmi, sistemarmi, controllarmi, controllarmi di continuo. La seconda, è che più lo indossavo, più ne andavo fiera, e più sicurezza e fiducia in me stessa acquistavo! AlhamduliLlah. Da quel momento le cose sono risultate solo più facili.

Le persone mi guardavano, sì, ma ciò non faceva altro che farmi sentire più fiera e sicura della mia scelta. E dopo un po’, a forza di vedere che non mollavo, hanno smesso. Anche se questa cosa gli ha dato un (bel) po’ fastidio. ( :

Ogni giorno, da quando sono diventata più praticante, ho solo ulteriori conferme che quel che faccio è giusto! Che tutte le sorelle che ora non indossano il hijab trovino presto la forza di indossarlo. Amin!

Salamu alaykum wa rahmatuLlah