Brezze di Ramadan

بسم الله الرحمن الرحيم

sacchetto

Assalamu alaikum ua rahmatu Llahi ua barakatuhu,

SubhanaLlah quell’anno era un Ramadan particolare, ma ero triste perchè nella mia città non si respirava molto, non avevamo Sapienti che ci guidassero in questo Sacro Mese, non c’erano ferie per i lavoratori, nè interruzioni di studio per gli studenti. Dovevamo viverlo adattandolo alla nostra triste routine in pratica. Sognavo un Ramadan a Makkah, vicino alla Ka°bah… Sognavo una Salat fatta con khushu°… una lettura del Qur’an senza interruzioni mondane… Sognavo… E continuo a sognare, perchè non bisogna mai smettere di sognare e di chiedere ad Allah Al-Karim (Il Generoso)!
Ero triste, perchè sentivo di non fare abbastanza, di non essere abbastanza riconoscente al Mio Signore… Smisi così di fantasticare e decisi di impegnarmi a fare quel poco che riuscivo, chiedendo ad Allah l’Altissimo di accettare da una povera come me.
Aprendo l’armadio mi trovai davanti un pezzo di stoffa e pensando alla mia cara amica Fatima decisi che le avrei confezionato un bel vestito per la Salat, per farle una sorpresa quando ci saremmo poi incontrate la sera per la Salat del Tarawih!
Mi misi subito al lavoro perchè mancava ormai poco al tramonto; tagliai la stoffa e pigiando il pedale a più non posso cominciai a cucire con la mia macchinina di gran fretta. Quando giunse l’ora di andare al Masjid avevo appena finito, alhamduliLlah!!! Allah Al-Rahim mi aveva reso facile un compito difficile! Misi dunque il mio regalo dentro al sacchetto appena confezionato e lo presi con me.
Andai al Masjid e con occhio accorto cercai la mia amica, senza trovarla… Al richiamo della Salat mi misi in riga con le altre sorelle ed iniziammo la Salat. Ad un tratto, dopo aver detto “Allahu ‘Akbar” si mise accanto a me una giovane ragazza, vestita molto curata e… alla moda! E si unì anche lei alla Salat. Questa ragazza aveva un abbigliamento poco consono alla preghiera: i pantaloni stetti e la camicia che indossava non coprivano le fattezze del corpo…
Terminata la Salat feci la sua conoscenza: era una ragazza molto dolce e gentile e subhanaLlah accettò il consiglio di buon cuore. Alchè le dissi: mia cara ho qui un completo, che subhanaLlah Allah l’Altissimo ha destinato a te, prendilo e indossalo. Aprii la busta con il completo della Salat e la aiutai ad indossarlo. Com’era felice subhanaLlah! I suoi occhi brillavano di gioia. Ero davvero contenta per lei. C’era anche un’altra sorella con vestiti poco adatti e a lei prestammo un ampio khimar con cui ultimare la Salat.
Fu una serata felice: il vedere il sorriso di una sorella mia veva restituito il sorriso alhamduliLlah! Con questa ragazza continuai a sentirmi anche dopo Ramadan e diventammo grandi amiche alhamduliLlah! Mi raccontò che lei era una di quelle ragazze che sbagliando nel passato aveva messo e poi tolto l’Hijab, ma che dopo quella serata al Masjid aveva giurato ad Allah l’Altissimo di mettere l’Hijab senza più toglierlo, e così è stato! Allahu ‘Akbar ua liLlahi al-Hamd! Mi disse inoltre che era talmente contenta di essersi avvicinata alla fede che voleva condividere questo sentimento con tutti e a questo scopo riuniva le ragazze e parlava loro della sua esperienza per incoraggiarle a prendere la decisione di essere Musulmane vere, fiere di portare il loro Hijab!

 

La Storia di una festa… di cambiamento!

BismiLlah Al Rahman Al Rahim

alhamduliLlah ua assalatu ua assalamu ‘ala Rasuli Llah

AlhamduliLlah, è arrivata la Festa della rottura del digiuno (°Id Al-Fitr) portando con sè un velo di malinconia e nostalgia per la fine del mese benedetto di Ramadan. La gioia del vedere la comunità, del compiere assieme la Salat della °Id, del donare e ricevere dolcetti dalla sorella che ti sta accanto è grande. Questa Fede è meravigliosa, alhamduliLlah per l’Islam, alhamduliLlah, alhamduliLlah.

Il sorriso dei bambini e l’immensa gioia che ricopre i loro volti mi han fatto ricordare il primo °Id vissuto da bimba, di cui ho un chiaro ricordo fino ad adesso, subhanaLlah. Era il 1990 e la mia cara mamma ci aveva vestiti e preparati per andare alla Salat dell’°Id col papà… allora non lo sapevo, ma le tradizioni distorte e l’allontanamento dalla Sunnah del Messaggero, pace e benedizione su di lui, avevano creato una convenzione errata anche per il giorno della Festa: le donne sarebbero rimaste a casa mentre gli uomini si sarebbero recati alla Salat. Quell’°Id però sarebbe stato un °Id diverso… subhanaLlah.

Andammo col papà al parco vicino al Centro di Cultura Islamica poichè la Sunnah (l’insegnamento del Messaggero pace e benedizione su di lui) era che la Salat della °Id si facesse in un posto aperto  perchè ci potessero partecipare tutti, anche le donne mestruate e puerpere (e anche per il fatto che la struttura che fungeva da Centro era incapace di contenere un alto numero di fedeli che allora accorrevano dalla città e dalla provincia per quel giorno importante). Il campetto sportivo, come lo spazio che lo circondava, erano pieno di fedeli.. la sorpresa fu che dopo la Salat mio padre mi disse: “Guarda chi c’è! Vai a salutare!”. C’era la moglie del nostro caro Presidente e la moglie di uno dei responsabili, che coraggiosamente si erano fatte avanti per assistere anche loro alla Salat della °Id! Andai a salutare tutta contenta.. perchè quello fu l’ultimo °Id senza la presenza femminile della nostra comunità; da allora, come l’Islam insegna e raccomanda, tutte le mamme erano presenti alla Festa… e questo rendeva la felicità ancora più grande, e la Festa una vera e propria Festa per tutti. AlhamduliLlah!

La Storia di un punto di Luce…

BismiLlah Al Rahman Al Rahim

alhamduliLlah ua assalatu ua assalamu ‘ala Rasuli Llah

Carissime sorelle,

assalamu alaikum ua rahmatu Llahi ua barakatuhu, che la pace sia su di voi così come la misericordia di Allah e le sue benedizioni. Quando ero piccola amavo andare al piccolo Masjid della nostra città: si trattava in verità di una vecchia fabbrica abbandonata che il comune ci aveva messo a disposizione per pregare e riunirci per le festività religiose. Il posto in verità non era molto idoneo ad ospitare un Centro di Cultura ma ai miei occhi di bambina quel posto era il Paradiso in Terra! Quando mio padre, le sere di Ramadan, prendeva il pentolone preparato da mia madre e ci portava con lui a rompere il digiuno con Ammo Nabil (zio Nabil, era l’amico di mio padre e il direttore del nostro Centro) e gli altri fratelli i nostri sorrisi si facevano larghi larghi perchè stavamo andando al nostro Masjid!

Masjid Al-Nur era allora composto principalmente da due locali e un piccolo cortile: nello spazio più grande (quello che una volta era l’interno della fabbrica) si faceva la salat, gli uomini stavano davanti e le donne dietro, la stanza interna veniva usata come biblioteca, i fratelli si erano adoperati per riunire tanti libri sull’Islam, lì stava Ammo Nabil e riceveva gli ospiti del Centro; infine c’era il cortile, lo spazio da noi tanto amato, dove poter correre e giocare.

Ricordo quanti doni ci facevano i fratelli che frequentavano il Masjid e i giochi che ci faceva fare Ammo Yusuf (noi lo chiamavamo zio per rispetto ma era un giovane tornato all’Islam che amava stare coi bambini), ricordo le salat che facevo vicino a papà col mio hijab stando nella fila degli uomini 🙂 , ricordo i nostri disegni nella bibiloteca e tutti i momenti di immensa felicità che ho vissuto lì alhamduliLlah.

Questo nostro Centro era nato in verità tempo addietro, dentro ad un garage nel centro di Bologna: mio padre e gli altri studenti stranieri si riunivano lì per compiere la salat del venerdì e ascoltare il sermone (che uno di loro si prendeva il compito di preparare). Erano quasi tutti studenti universitari, di diversi paesi islamici, che per diversi motivi si erano trovati a scegliere di continuare gli studi in Italia.

Il Masjid è la più grande istituzione islamica: in essa si riuniscono i credenti per pregare, aiutarsi a vicenda, leggere e studiare la fede, conoscersi e comunicare tra loro e verso l’esterno… Il Masjid è un posto unico, speciale: riunisce tutti i credenti senza distinzione di proveninenza, lingua e livello sociale. Nel Masjid si impara a vivere la fede, ad amare la comunità, a conoscere e a comunicare la fede.

Questa nostra semplice struttura era sempre stata mantenuta dal sudore di gente semplice, per la maggior parte straniera, che pur di avere un posto dove fare la preghiera si sforzava di aderire alle costanti collette per pagare acqua, luce e gas per il riscaldamento. Questo perchè a differenza di altre fedi, la religione islamica non è riconosciuta dallo stato italiano, e non gode di tutti i privilegi di cui godono i centri religiosi in Italia. Per questo il nostro sogno è quello di avere un vero centro, pagato col nostro sudore, dove trovarci e pregare assieme. AlhamduliLlah Rabbi-l-°alamin! La lode va ad Allah, il Signore dei Mondi, per tutti i suoi doni!