Sogno ad occhi aperti ed immagino che…

بسم الله الرحمن الرحيم

الحمد لله والصلاة والسلام على رسول الله

حلم

Assalamu alaikum ua rahmatu allah ua barakatuh,

sono una ragazzina di nome Nura, ho 8 anni e tanta fantasia…

Volevo raccontarvi del mio sogno preferito…

Chiudo gli occhi ed immagino di essere una  principessa che scivola su un arcobaleno senza meta… Nel sogno sono impaurita perchè so che alla fine dell’arcobaleno ci sono delle streghe cattive.

Ma all’ improvviso arriva il Principe dei miei Sogni, si chiama Muhammad, mi libera da tutti i pericoli e chiede a mio padre se mi può sposare.  Mio padre dice di sì, e così da allora vivemmo felici e contenti.

Ovviamente ero vestita con l’Hijab e l’Abaya, ma sotto avevo vestito bellissimo e luccicante… (è proprio da matrimonio!!!) ;)

Nura

La Storia di una scuola.. speciale!

Bismillah al Rahman al Rahim

Carissima Bushra,
Mashallah quest’anno con la presenza di Ahmad, il fratello di Amena, abbiamo iniziato a fare la scuola a casa.
A giugno ci saranno gli esami, saranno una prova anche per noi per capire come impostare le cose e quale livello davvero chiedono.
Comunque, al hamdulillah, siamo stati molto attenti a come muoverci e Allah ta’ala ci ha facilitato molto. Infatti, io mi ero informata bene attraverso vari forum e siti di homeschooling, per capire bene ciò che prescrive la legge, i riferimenti normativi e tutto, e così, sulla scia di una lettera standard che altri genitori usano, abbiamo comunicato, appena Ahmad è arrivato, subito alla scuola più vicina le nostre intenzioni, con una raccomandata.
Poi abbiamo telefonato e abbiamo preso un appuntamento con la preside, mio marito si era preparato su cosa chiedere e dire (non c’è nessun bisogno formale di motivare la scelta, per esempio, perché è un semplice diritto come quello di mandare i figli a scuola), però l’atteggiamento che volevamo tenere era gentile, cortese, ma sicuro. Così mio marito è andato insieme anche ad Ahmad, ha chiesto il loro programma, se potevamo acquistare gratuitamente come gli altri i libri di testo, etc., e loro ci hanno dato tutto, poi mio marito si è incontrato anche con gli insegnanti, ci hanno dato il programma loro che avevamo chiesto, ha discusso un po’ con loro dei contenuti (avevamo già visto i libri quando ha incontrato gli insegnanti), perché non capiamo per quale motivo un bambino debba imparare chi sono i maghi, le streghe, i draghi, i folletti, gli gnomi, storie di paurosi mostri, tutte le attività sul natale, la pasqua e il carnevale… in realtà gli insegnanti hanno convenuto che queste cose non sono necessarie per studiare.
Subhanallah, abbiamo iniziato i nostri programmi di tutte le materie prima di avere i libri di testo, c’è tantissimo materiale didattico su internet molto utile e pratico, anche modificabile. Il problmea principale per noi è riuscire a insegnare le cose senza proporre le loro “stupidaggini”, scusa se le definisco così ma questa è la mia opinione, all’inizio sono rimasta scioccata dei libri di testo, perché davvero i contenuti sono falsi, assurdi, senza contatto con la realtà.
Abbiamo seguito le cose più neutre dei libri, integrando con altro materiale, nostro e da internet, anche usando dei materiali islamici. Però tante cose mi sono sentita di proporle comunque, se non altro perché Ahmad non conosce nulla di questo contesto italiano, tante cose non le capisce (Amena vedo che già le comprende di più, più facilmente, perché è sempre stata inserita qui, sebbene noi abbiamo pochissimi contatti significativi con il mondo esterno e non proponiamo ai nostri figli praticamente nulla di cartoni animati, libri di favole, etc).
Comunque, la mia idea è di riuscire a fare di più, cioé fare a meno dei loro programmi assurdi. Solo che devo fare un po’ di esperienza per capire come, perché comunque ora per legge ogni anno c’è l’esame a scuola, e quindi si è un po’ meno liberi. Più che altro, se poi all’esame propongono contenuti su biancaneve e i sette nani, cenerentola, cappuccetto rosso, non so se i nostri bimbi sono in grado di capire. Forse per Amena sarà diverso, ma per Ahmad è un problema anche capire che “biancaneve” è il nome di una ragazza…
Ma la cosa più bella, mashallah, è come imparano Amena e Fatima!!!
Amena ovviamente vuole fare tutto quello che fa Ahmad, perciò ho cercato tanti materiali anche per lei per imparare i numeri, l’alfabeto, poi lei ormai capisce tutti gli esercizi (cerchia questa parola, collega il nome al disegno, etc…) non sa fare tutto, ovviamente, però mashallah tante cose le ha imparate (per esempio di matematica ha imparato che 5+4 fa nove!).
Disegni, scrivere le lettere, riconoscerle, colorare le lettere, nomi di parole e numeri in inglese, fa queste cose qui!
Poi c’è tutta la parte di arabo e Qur’an. Ahmad sta memorizzando diverse sure con mio marito, al hamdulillah, e Amena, ascoltando e ripetendo, ha memorizzato diversi versetti anche lei, mashallah.
Anche Fatima partecipa al tutto con pennarelli, quaderni, matite, la salaat e i du’a, tutti vogliono fare wudhu (continuamente,,, per giocare con l’acqua), però poi davvero si mettono a fare a modo loro due rakaat… al hamdulillah Rabbi al Alamin, è così bello vederli fare queste cose, e spontaneamente, naturalmente…
Hajra partecipa un po’ ma si vede che è più piccola e ha condiviso ancora poco con loro, è molto attaccata ancora alla madre.
Poi abbiamo costruito insieme, con il cartone, colorando noi, diversi giochi per studiare le lettere arabe: un trenino delle lettere, un bingo, un memory. subhanallah tante idee vengono anche dai siti di fratelli e sorelle che condividono tante loro esperienze su internet, che Allah li ricompensi tantissimo tutti!
Devo dire che è stancante però anche molto stimolante, unisce la famiglia, arricchisce il nostro tempo, e a pensarci bene, abbiamo fatto davvero tante cose di cui mi rendo conto solo ora scrivendoti. Per esempio tante attività di scienze, leggendo libri sulla natura, colorando alberi, foglie, il ciclo dell’acqua (ci sono anche bei video su questo), esperimenti con l’acqua e le sostanze, fare insieme i biscotti, giocare con la pasta di farina e acqua, andare al mare a raccogliere conchiglie.. sono tante cose con cui loro imparano sempre, e anche noi con loro,  mashallah.
A volte mi chiedo, ma sarò capace, ma sarò in grado, ma sono abbastanza brava, sono troppo dura, troppo flessibile… all’inizio avevamo scritto un programma giornaliero fittissimo, dopo qualche settimana io ero k.o. .. sotto stress! Allora ho un po’ mollato il programma, che comunque è servito a noi per capire cosa avevamo intenzione di fare, quali materie, che contenuti, però poi ho cercato di seguire di più i nostri ritmi,le nostre esigenze, anche ascoltando i nostri momenti di stanchezza.. a volte divento matta con tutti i bambini insieme che vogliono qualcosa, e nessuno, soprattutto Ahmad, che riesce a concentrarsi bene sui suoi compiti……. a volte grido come una pazza… subhanallah, alla fine ho pensato, devo affidarmi ad Allah ta’ala e fare ciò che posso, le nostre intenzioni inshallah sono chiare e sincere, Lui ci aiuterà. Mi sono impegnata a mantenere la calma, a non scaricare su di loro le mie difficoltà, inshallah qualcosa è migliorato…
Fai tanti du’a per noi!
Ora vado perché stanno sporcando tutta la coperta con acqua e acquarelli… a presto inshallah
Assalamu alaylum wa rahmatullahi wa barakatuh
Aysha umm Amena