Una Luce per trovare la Via

بسم الله الرحمن الرحيم

nur

Mi chiamo Suliman La Spina Franco. Sono diventato musulmano nel 1996, però la mia ricerca è iniziata quando avevo 16 anni, cioè all’età dell’adolescenza, a quell’età cominciai a riflettere su il vero valore assoluto per essere felice. Notai che ogni felicità da raggiungere era illusoria e pensai che sarebbe finita, cioè per quanto potessi essere felice, quel momento sarebbe finito rapidamente. Mi sembrava stupido, e lo era, cercare quel tipo di felicità che non avrebbe mai soddisfatto la natura umana che è molto esigente. Associare la fine della felicità con la morte era facile, naturale, e ho associato il concetto di morte e di fine della felicità. Ho pensato anche, se una persona dovesse essere felice, ricca, cosa sarebbe successo quando sarebbe morta? e quando muore cosa accade? Questo mi chiesi. Era vero ciò che dicevano i preti? Cioè che esiste l’Inferno, il Paradiso e Dio? Questo mi fece molto riflettere e mi mise in crisi. Cominciai così a disinteressarmi al Messaggio nel Vangelo e soprattutto alla religione cattolica, nell’adolescenza si è in conflitto con tutte le autorità e se ero contrario alla religione cattolica, non lo ero con il Messaggio di Gesù.

L’uomo spesso non usa il cervello al 100%, l’uomo religioso usava più degli altri le proprie capacità per giungere alla conoscenza di cose che l’uomo comune non può capire, cioè conoscere Dio. Così cominciai a leggere il libro più importante per me a quei tempi: la Bibbia. Ed ho letto il Vecchio Testamento, i vangeli tranne gli Atti degli apostoli e tutto il resto che viene dopo i 4 vangeli. Questo perché considerai il Messaggio concluso, non era logico seguire il cristianesimo di Paolo di Tarso, lontano dal vero Messaggio di Gesù, più bello e diretto. Nonostante questo non trovai nella Bibbia la risposta, anzi, e non mi identificavo con i preti, gli interlocutori fra noi e Dio. Mi domandai perché Dio lasciò questo vuoto di relazione con lui, così mi interessai alle religioni e filosofie orientali. Cominciai a leggere qualcosa del buddismo e soprattutto sul taoismo. Il libro Tao The Ching era la mia guida, ben presto però capii che non era nemmeno quello ciò che cercavo, ero molto deluso perché non avevo trovato la Verità, ed è stata l’ultima religione che ho studiato prima dell’Islam.

Arrivare alla consapevolezza che l’uomo ha di se stesso e della sua condizione a differenza degli animali che non sono consapevoli di essere tali. Questa consapevolezza di essere privilegiato su tutto il creato mi ha dato il moto per giungere ad una conclusione tanto semplice quanto spettacolare, che non può esistere la consapevolezza nell’uomo se non ti viene donata da Qualcuno che possiede la consapevolezza, Iddio l’Altissimo. Quindi capii come dice Dio “Ero un tesoro nascosto ed Ho creato tutto affinché tu mi scoprissi”. Mi resi conto che Dio ci ha creato in questo mondo per essere testimoni di Lui. È avvenuta dentro di me una sorta di esplosione, di sensazione molto forte, feci una testimonianza dell’esistenza di Dio, non ancora del Profeta Muhammad, poiché non sapevo ancora dell’Islam, fino a quando mio fratello mi disse che voleva comprare il Corano, anche lui cercava la Verità. In realtà non l’aveva comprato, così pensai che l’avrei acquistato io, visto che non l’avevo mai letto.

Dal primo momento che cominciai a leggere il Corano fu davvero una rivelazione! Era come se Dio parlasse con me direttamente. La stessa sensazione che può avere un arabo che legge il Corano nella sua lingua, così diventai musulmano. Dio guida attraverso ciò che Egli Vuole.

E mi Guidò attraverso un mare pieno di scogli dandomi dei Segni, come quando sognai una notte di essere accompagnato dall’Arcangelo Gabriele (Jibriìl) nell’Islam prima di leggere la Sura Al Ma’àrij“Le Vie dell’Ascesa” il giorno dopo aver letto questa Sura era il giorno dell’Aid Adha –la festa del sacrificio di Abramo-. Giunto alla Sura delle Formiche “An-Naml” presi il nome del Profeta Sulaiman (Salomone) presente in questa Sura, e diventai musulmano Grazie a Dio.

Quando un uomo cerca la Verità, ciò non dipende dall’etnia, dalla cultura, o dalla provenienza dell’uomo, il quale può passare attraverso diversi percorsi e arrivare ad un risultato che non avrebbe mai immaginato e arrivare al risultato giusto è importante. Un viaggio con poche valige, buone intenzioni e sincerità. L’importante è non cercare la Verità solo per dare giudizi e lasciare che essa guidi alla vera luce per poter recepire quello che è la Verità. 

Si ringrazia il sito Huda.it

La Storia dell’incredibile viaggio di ritorno dall’Arabia

بسم الله الرحمن الرحيم

الحمد لله والصلاة والسلام على رسول الله

La sera della partenza giunse una furtiva chiamata di papà: “Prepara le valigie, ho fatto il biglietto, domani alle sei prendiamo l’aereo per l’Italia!”. Rimasi sbalordita perché proprio qualche giorno fa avevamo disdetto un viaggio e rinunciato alla partenza… Ma il destino nessuno lo conosce, eccetto Colui che lo ha primordialmente scritto…

Ed eccoci nuovamente all’aeroporto di Jeddah; gli impiegati al solito erano gentilissimi e disponibilissimi ed infatti ci ritrovammo in un batter d’occhio pronti ad aspettare l’imbarco sull’aereo.

Papà era al solito super elegante e non si trattenne dal fare la sua battutina: “Chissà cosa pensa la gente quando vede un uomo elegante e moderno come me camminare accanto ad una terrorista come te (alludendo al mio Niqab)…” 🙂

Il viaggio andò benissimo e passammo le cinque ore di volo in pace e tranquillità… sull’aereo della Saudi Arabian Airlines c’era cibo halal, inservienti gentili, e tanti piccoli doni dei quali ringraziare Allah l’Altissimo: l’invocazione per il viaggio fatta ad alta voce dal pilota, il sentire ancora parlare in lingua araba e il vedere tanta gente di diverse nazionalità riunita sotto la bandiera dell’Islam. Allahu Akbar ua liLlahi al-hamd!

Giunti all’aeroporto di Roma aspettammo un po’ sull’aereo, poi quelli dell’assistenza portarono la sedia a rotelle e ci aiutarono a scendere… mi sentivo tranquilla come non mai perché ero convinta che se Allah aveva decretato questo viaggio sicuramente vi era del bene per noi.

Mio padre era in vena di chiacchiere e appena ci trovammo fuori dall’aereo disse agli accompagnatori: “Ma voi ci credete che una bolognese, dottore, abbia deciso di vestirsi così? Sembra una cosa incredibile! Secondo lei è normale?”. La signora lo guardò e disse: “Possiamo dire che si veste in maniera diversa dalla nostra!”. Sorrisi fra me e me e ringraziai Allah l’Altissimo per averci donato un vestiario tutto nostro, che marca e contraddistingue la nostra identità ed incarna i nostri principi. “Mi scusi ma come mai ha deciso di indossare il Niqab?” mi chiese poi la signora dell’assistenza. “Per me -le dissi- è stato un percorso graduale.. all’inizio portavo il comune Hijab, ma dopo aver approfondito la conoscenza della fede ed aver studiato la vita del Messaggero pace e benedizione su di lui e delle sue onorevoli mogli, ho iniziato ad amarle e a voler essere come loro”. La mia risposta l’aveva lasciata pensosa e così dopo un po’ ci salutò per tornare al suo lavoro.

… Più ci pensavo e più mi convincevo che questo viaggio improvviso era stato un po’ azzardato perché ci ricordammo di non aver avvertito l’azienda ferroviaria del nostro arrivo ed eravamo quindi rimasti senza assistenza; camminando sembravamo una carovana: papà spingeva il carrello dei bagagli e io la sua sedia a rotelle. 🙂

Non so bene come riuscimmo a salire sul treno e a caricare tutti i bagagli, la cosa sicura è che Allah ci aveva assistito e facilitato, a Lui la lode e il ringraziamento! Ma durante il viaggio continuavo ad invocare Allah l’Altissimo e a chiedere il suo aiuto perché ci aspettava un lungo tragitto e da soli non ce l’avremmo mai potuta fare.

Arrivati alla stazione centrale di Roma Termini sbucarono improvvisamente degli addetti all’assistenza disabili che aiutarono papà a scendere e a prendere i bagagli!! AlhamduliLlah, alhamduliLlah, alhamduliLlah! Allah aveva accolto le nostre preghiere e qualcuno aveva chiamato per avvertire del nostro arrivo!

Fu così che ci riposammo nella sala d’attesa e quando fu il momento di riprendere il secondo treno ci riaccompagnarono e ci aiutarono a caricare i bagagli… ed eccoci nuovamente in viaggio! Allahu Akbar!

Vicino a papà ora sedeva una simpatica vecchietta con cui mio padre trovò parecchio da discorrere: “Lei di dov’è? Dove sta andando? Che mestiere faceva? Ha famiglia?”… Parlarono del più e del meno, la cosa strana è che questa signora non sembrava affatto infastidita o suggestionata dal mio Niqab e continuava a dire a papà: “Guardi che sua figlia è una donna in gamba!” e mi guardava sorridendo. La sua affermazione arrivava inaspettata giacché mio padre si era un poco arrabbiato per il fatto che ci avevano poc’anzi fermati dei poliziotti per verificare la nostra identità e mi aveva allora detto: “Figlia mia da quando sono in Italia mai nessuno mi ha fermato, indubbiamente sei te la causa di questo controllo! Meno male che non ci han fatto la multa!”… “Papà ma che multa vuoi che ci facciano? È un diritto quello di potersi liberamente vestire secondo i dettami della propria religione!”.

Fu così che iniziai a discorrere con la gentile signora e a parlare della religione e dei valori, infine ella mi disse: “Il fatto che nell’Islam venga adorato un unico Dio onnipotente, senza associare a Lui patroni, santi e martiri è una cosa molto importante ed è un principio chiaramente puro; sì, sicuramente le nostre fedi hanno molto in comune e bisogna studiare ed approfondire la conoscenza di questa religione che troppo spesso viene accusata ingiustamente ed infangata dai media in vena di grandi notizie!”.

SubhanaLlah, ero davvero stupita come Allah l’Altissimo preserva la fitra (la natura innata, la religione pura) in certe persone senza che il sudiciume dell’idolatria e dell’ipocrisia inondi il loro cuore! Questa era una delle persone che miracolosamente Allah mi aveva fatto il dono di far conoscere!… e nonostante ella fosse in carrozzina e portatrice di handicap, era in verità più normale di tantissime persone che camminano su due gambe ma che dentro la testa hanno poco di cui vantarsi…! SubhanaLlah!

Infine ci fu un altro fatto del nostro viaggio che mi colpì e del quale ci tengo a parlare… SubhanaLlah mentre eravamo intenti a parlare, a un certo punto comparve il cameriere del servizio bar chiedendo se volessimo qualcosa da bere. Papà chiese subito un caffè, per cui mi apprestai a prendere i soldi per pagare, ma egli ci informò che il servizio era gratuito. A quel punto anche la signora e la sua accompagnatrice ordinarono qualcosa e quando fu il mio turno dissi: “La ringrazio, non prendo nulla, sono a digiuno”. Egli chiese: “Ma che digiuno è? Ramadan?”. E io: “No si tratta dei giorni del pellegrinaggio, che è meritorio digiunare”. Allora egli gentilmente mi pose una salviettina profumata poi e mi disse: “Allora mi dirai se questa scritta è fatta bene o no!” e si sollevò la manica della maglia scoprendo una scritta grande: لا إلاه إلا الله محمد رسول الله، الله أكبر! (la ilaha illa Llah, Muhammad Rasulu Llah, Allahu Akbar!). Guardai la scritta ipnotizzata: “Sì, è scritta bene!”. Poi egli disse: “L’ho fatto in Tunisia… anche se so che non si potrebbe fare…” e mi padre: “In che senso non si potrebbe…?”. Ma io avevo capito benissimo cosa intendeva dire, egli intendeva dire che nell’Islam non va bene fare i tatuaggi… dunque anche lui era musulmano!!

SubhanaLlah, come Egli guida le sue creature e fa trovare la Sua Luce a colui che Lo cerca! Allahu Akbar ua liLlahi al-hamd (Allah è il più grande e a Lui appartiene la lode)! Ti ringrazio Allah per come mi hai guidato, facilitato e fatta musulmana. Ti chiedo di darci la forza per essere testimoni della verità, sempre, quando e come Tu desideri che siamo, amin, amin, amin! Ual hamdu liLlahi rabbi-l-alamin (e la lode appartiene ad Allah, il Signore dei Mondi)!

La Storia di un Libro Rivelato

BismiLlah Al Rahman Al Rahim

AlhamduliLlah ua assalatu ua assalamu ‘ala Rasuli Llah

nur

 

SubhanaLlah… il Qur’an è uno dei più grandi doni di Allah a questa Ummah, è il Libro di Allah e il miracolo eterno fatto scendere sul Suo Messaggero; quando apri questo Libro per ricercare la verità, munendoti di una sincera intenzione, Allah ti manda un messaggio, un segno che ti guidi; colui che invece ha una malattia nel cuore (dubita di Allah e dei Suoi segni, non è sincero nella ricerca della verità) quando lo apre legge senza capire e cerca senza trovare: è una persona che ha smarrito la Strada verso il Creatore. Dice Allah l’Altissimo nel Suo Libro Sublime:

 وَإِذَا مَا أُنزِلَتْ سُورَةٌ فَمِنْهُم مَّن يَقُولُ أَيُّكُمْ زَادَتْهُ هَذِهِ إِيمَانًا فَأَمَّا الَّذِينَ آمَنُواْ فَزَادَتْهُمْ إِيمَانًا وَهُمْ يَسْتَبْشِرُونَ (124) وَأَمَّا الَّذِينَ فِي قُلُوبِهِم مَّرَضٌ فَزَادَتْهُمْ رِجْسًا إِلَى رِجْسِهِمْ وَمَاتُواْ وَهُمْ كَافِرُونَ (125)

124. Quando viene fatta scendere una Surah, alcuni di loro dicono: “A chi di voi [questa Surah] ha fatto accrescere la fede?”. Quanto a coloro che credono, essa accresce la loro fede ed essi se ne rallegrano.

125. Quanto a coloro che hanno una malattia nel cuore, essa aggiunge sozzura alla loro sozzura e muoiono da miscredenti.

Uno dei più importanti du°aa insegnatoci dal Messaggero di Allah, pace e benedizione su di lui, ci viene insegnato nel seguente Hadith:

 ما أصاب أحدا قط هم ولا حزن فقال اللهم إني عبدك ابن عبدك ابن أمتك ناصيتي بيدك ماض في حكمك عدل في قضاؤك أسألك بكل اسم هو لك سميت به نفسك أو علمته أحدا من خلقك أو أنزلته في كتابك أو استأثرت به في علم الغيب عندك أن تجعل القرآن ربيع قلبي ونور صدري وجلاء حزني وذهاب همي إلا أذهب الله همه وحزنه وأبدله مكانه فرجا قال : فقيل : يا رسول الله ألا نتعلمها فقال : بلى ينبغي لمن سمعها أن يتعلمها

الراوي: عبدالله بن مسعود المحدث: أحمد شاكر – المصدر: مسند أحمد – الصفحة أو الرقم: 5/267
خلاصة حكم المحدث: إسناده صحيح

Non c’è nessuno che, quando colpito da afflizione o tristezza, dica: “Oh Allah in verità io sono il Tuo servo, figlio del Tuo servo, figlio della Tua serva, la mia fronte è nelle tue mani*, su di me è in atto il Tuo decreto, ogni tua sentenza su di me è giusta; Ti chiedo in nome di ogni Nome che Ti appartiene, che Tu hai scelto per la Tua persona, che Tu hai fatto scendere nel Tuo Libro o che hai insegnato a qualcuno dei Tuoi servi, o che hai deciso di tenere riservato tra la conoscenza del ghaib (di ciò che è a noi sconosiuto e custodito) presso di te… di fare del Sublime Qur’an la sorgente di acqua che ristora il mio cuore, la luce del mio petto, la sparizione della mia tristezza e l’allontanamento della mia afflizione” non allontani da lui la sua afflizione e la sua preoccupazione e gli dia in cambio di esse felicità. Dissero: O Profeta di Allah, non dobbiamo imparare [questa invocazione]? Egli rispose: Certo, è doveroso impararla per ogni persona che la senta.

Catena di trasmissione: Sahih (autentica), Musnad ‘Ahmad: 5/267

In questo Mese Benedetto che ci sta per ospitare dobbiamo dedicarci completamente a vivere il Sublime Qur’an: per leggerlo, per capirlo, per amarlo, per studiarlo, per applicarlo.. Iniziamo dunque da ora a prepararci imparando e ripetendo questo eccente du°aa!

Buon Ramadan a tutti i Musulmani, e che possa essere questo il mese del nostro definitivo allontanamento dal Fuoco, amin!

Che ogni anno vi possa ritrovare in ottima forma di fede e salute.

*La mia fronte è nelle tue mani: in arabo “ناصيتي بيدك”, la nasiyah è la parte alta del capo, quella più nobile, che il credente poggia a terra in segno di completa sottomissione al Creatore. In questa parte del cervello viene elaborato il pensiero e la volontà di compiere un’azione piuttosto che un’altra.